La Piazza della Pizza

Quest’anno, a Cheese 2017, La Piazza della Pizza porta tutta la tradizione della pizza… italiana. Dentro la Piazza sono racchiuse le storie di pizza che ci hanno appassionato e che hanno portato alla creazione di Pizza – Una grande tradizione italiana, pubblicato da Slow Food Editore.

I pizzaioli e le loro botteghe artigiane sono i migliori comunicatori di un’eccellenza nazionale, alleati della biodiversità alimentare e anima di quelle pizzerie in cui si può mangiare una buona pizza in ogni regione italiana, secondo le identità territoriali. Perché se è vero che l’arte dei pizzaiuoli napoletaniè oggi candidata a patrimonio immateriale dell’umanità, è altrettanto vero che quell’arte, con forme differenti, è patrimonio di numerose altre tradizioni, come la pizza in teglia alla romana, la pissalandrea genovese o quella che “facroc”.

Dal Nord al Sud dell’Italia potete incontrare alcune delle voci più “slow” di questo mondo, a partire dalle “pizzerie stabili” della Piazza della Pizza i quattro forni aperti tutto il giorno, tutti i giorni, per gustare le diverse sfaccettature della pizza nazionale, tra cui il trapizzino romano di Stefano Callegari (Sforno,Tonda e Trapizzino, a Roma e Firenze), il “facroc” piemontese di Massimiliano Prete (Gusto Divino, Saluzzo), la pizza fritta napoletana di Ciccio Vitiello (Casa Vitiello, Caserta) e la pizza “veneta a legna” di Federico Zordan (San Martin, Cornedo Vicentino).

L’idea che ruota intorno a questa nuova edizione è creare confronto e fare alleanza: per questo i pizzaioli si presentano sempre in coppia e, oltre alle “pizzerie stabili”, intervengono per portarvi le loro Storie di Pizza: Matteo Aloe (Berberè), Gennaro Battirolo (La Kambusa), Marzia Buzzanca (Percorsi di Gusto), Franco Cardelli (Don Franchino), Massimiliano Crocetti (ZeroZero), Paolo De Simone (daZero), Vito De Vita (PizzaArt), Aniello Falanga (Haccademia), Salvatore Gatta (Fandango), Salvatore Kosta (La grotta del buono), Gennaro Luciano (Antica Pizzeria Port’Alba), Graziano Monogrammi (Divina Pizza), Ciro Oliva (Concettina ai Tre Santi), Renato Pancini (Al Fogher), Denis Pirello (Zena Zuena), Pierluigi Police (‘O Scugnizzo), Alessio Rovetta (7Ponti), Salvatore Santucci (Ammaccamm’), Pasquale Serra (Est Ovest), Giuseppe Vesi (Pizzagourmet), Stefano Vola (Bontà per Tutti) e Guglielmo Vuolo (Eccellenze Campane).

Ma non è tutto. La Piazza della Pizza renderà accessibile a tutti, anche ai più piccoli grazie ai progetti ai progetti educativi a cura di Slow Food, la conoscenza di come si fa la pizza, svelando tecniche e “segreti”. Con i Pizza Talk si favoriscono occasioni di dialogo, perché ciò che più ci appassiona della pizza è il poterla vedere come un cibo di tutti, per tutte le classi sociali e per ogni età e, per questo, è forse la più grande tradizione italiana.

La Piazza della Pizza è realizzata in collaborazione con Agugiaro & Figna, Ricrea – Consorzio Acciaio, Esmach, Quality Beer Academy (QBA), Birrificio Antoniano, Consorzio Alta Langa, Araldica, Batasiolo, Cocchi, Settesoli e Umani Ronchi.

Official Partner:
Official Sparkling Wine: