Il piacere della birra

A oltre vent’anni dalla nascita del movimento della birra artigianale italiana la necessità di informare ed educare il consumatore su cosa sia la birra, come si produca, quali sia la sua storia e quali le sue uniche caratteristiche non è certamente diminuita, al contrario.

Oggi la birra è di grande moda. Nella sua millenaria storia non è mai stata sotto i riflettori come negli ultimi decenni. La rivoluzione, partita dagli Stati Uniti negli anni Settanta, poi approdata in Europa negli anni Novanta (con l’Italia, che ha avuto un ruolo centrale), ha portato energie e stimoli in un settore che sta crescendo ben oltre le aspettative ovunque nel mondo.

Il piacere della birra nasce proprio dalla volontà di raccontare questo complesso e splendido mondo in modo semplice.

Nozioni tecniche e descrizioni precise si affiancano a racconti di luoghi che hanno visto nascere e svilupparsi alcune delle più note tipologie di birra dei giorni nostri. Ed è proprio questa una delle sezioni principali del libro: 41 tappe in giro per il mondo, 10 in Belgio e Stati Uniti d’America, 9 in Germania e una in Repubblica Ceca, 11, infine, nel Regno Unito.

Birrifici, monasteri, uomini e donne, che hanno contribuito a rendere la birra parte integrante della loro cultura e del loro modo di vivere. Per questi racconti ci siamo affidati a tanti amici appassionati, birrai e scrittori che ci hanno prestato la loro penna per descrivere uno stile birraio o per intervistare un produttore. In questo modo non ci siamo limitati a osservare ciò che è successo da fuori, ma abbiamo provato a farlo come fossimo persone del luogo, come se attraverso il libro stessimo effettivamente viaggiando in quei luoghi.

Ed è proprio questo che proveremo a fare anche nel laboratorio Il piacere della birra dedicato a questo volume che si svolgerà domenica 17 settembre alle 16. In assaggio 5 birre, una per ognuna delle nazioni coinvolte: dalla Germania la Schneider – Weisse, dal Regno Unito la Moor – Old Freddy Walker, dal Belgio la Rodenbach – Grand Cru, dagli Stati Uniti la Stone – Arrogant Bastard Ale. A queste si aggiunge, dall’Italia, nazione alla quale all’interno de Il piacere della birra abbiamo dedicato 10 itinerari, la Barley – BB7.

Sarà un po’ come intraprendere un viaggio nella birra, un viaggio nello spazio e nel tempo. Buon divertimento.

di Eugenio Signoroni
e.signoroni@slowfood.it

Partecipando al laboratorio Il piacere della birra avrai in omaggio il volume omonimo, pubblicato da Slow Food Editore.

Se ti interessa questo appuntamento, ti segnaliamo anche
Erbe e spezie, non di solo luppolo vive la birra, il 15 settembre alle 16
La regina delle bevande naturali: il Lambic tradizionale, il 16 settembre alle 13
Le birre invecchiate nel legno: complessità di sapori e aromi, il 17 settembre alle 19

Tags:
Official Partner:
Official Sparkling Wine: