Un vino naturale è, semplicemente, il Vino – Intervista con Luca Gargano

Spazio Libero: vi abbiamo parlato, e tanto, dei formaggi, dei salumi, anche della birra Lambic, ma ancora non avevamo preso in considerazione un aspetto, e non da poco. Quello dei vini, i tanti Triple “A” che vanno a costruire un’interessantissima lista di bianchi, bolle, bianchi macerati, bianchi in ossidazione, rossi e vini dolci, con i quali accompagnare i vostri assaggi.

I Triple “A” sono vini liberi da chimica di sintesi, lieviti selezionati e manipolazioni enologiche e la sigla Triple “A” sta a indicare gli Agricoltori, Artigiani e Artisti che stanno dietro a questa filosofia produttiva, essenza stessa di naturalità. Per parlarcene, abbiamo interpellato Luca Gargano, patron dell’azienda genovese Velier, che questi vini li conosce come pochi – i vini Triple “A” sono selezionati da Velier, appunto.

Gli chiedo qual è la filosofia di un vino naturale.
R. Siamo in un mondo kafkiano dove il Vino si chiama vino naturale e dove diventa difficile spiegare cos’è naturale. Dovremo parlare semplicemente di Vino. E quando questo nasce da un gesto agricolo positivo, è un prodotto che porta con sé piacere e convivialità. Proprio questi due elementi sono la ragion d’essere di un vino che, quando è nel bicchiere, fa schioccare la lingua e brillare la pupilla.

D. Agricoltori, artigiani, artisti. Non si può prescindere da nessuno di questi tre elementi esemplificati nella sigla Triple “A”. Perché?
R. Il vino è il risultato di un gesto agricolo fatto dal produttore, un artigiano profondo conoscitore delle tecniche (téchne = arte) e non delle tecnologie. Da questo si capisce come solo dal lavoro di un agricoltore che è anche un artigiano e un artista si ottiene un vino Triple A.

D. Così come il vino, anche alcuni rum possono essere intesi come un qualcosa che ha molti punti in comune con i formaggi naturali. Non a caso, alcuni di essi saranno protagonisti del Laboratorio del Gusto “Caraibi e alpeggi” nonché dell’incontro di sabato 16 settembre dedicato alla “Purezza del rum”. Ci spieghi quali sono questi punti in comune e qual è la filosofia produttiva che sta dietro ai Clairin haitiani?
R. Come qualsiasi prodotto nato dalla relazione tra l’uomo e il mondo vegetale, anche il rum dovrebbe nascere da un gesto agricolo colmo di amore e rispetto. Successivamente andrebbe portato alla bottiglia attraverso fermentazioni spontanee e distillazioni artigianali capaci di esprimente tutto il savoir faire del distillatore. I Clairin di Haiti sono un esempio di questo approccio. Siamo di fronte al prodotto di un’altra epoca, un rum che nasce da un’agricoltura bucolica, utilizzando varietà di canna antiche, fermentazioni con lieviti naturali e piccoli alambicchi ancestrali. Il risultato è un’emozione, una sorpresa per il palato degli appassionati.

D. Cosa significa bere bene, secondo te?
R. Bere bene? È avere voglia di bere di nuovo e ancora. In compagnia.

D. Quest’anno Velier festeggia i suoi settant’anni di storia. Ci racconti quali sono stati i passaggi fondamentali della vostra azienda?
R. Ho sempre cercato in questi primi 34 anni di Velier di far conoscere prodotti d’avanguardia ed eccellenze nel mondo dei vini e dei distillati. Questo lavorando per creare protocolli estranei agli interessi economici, ma nati essenzialmente per consentire agli appassionati di orientarsi nel mercato. Negli anni Novanta abbiamo inaugurato la movida del rum e, passando attraverso i grandi imbottigliamenti Caroni e Demerara, amati dai collezionisti di tutto il mondo, con la classificazione dei rum che ho lanciato nel 2015 oggi siamo un punto di riferimento mondiale. Velier è stato il primo agente dei sigari cubani in Italia e nel 2002 abbiamo riportato alla legalità l’assenzio nel nostro paese. Siamo stati il primo distributore a importare i vini del Nuovo Mondo e poi nel 2001 la svolta, con il lancio dei vini Triple “A”. La storia di Velier è fatta di avanguardia, primati, viaggi scoperte… il tutto bevendo tanti bicchieri di vino e degustando tanti barili di buon rum.

di Silvia Ceriani
s.ceriani@slowfood.it

Vieni a conoscere i Vini Triple “A” nello Spazio Libero e partecipa all’appuntamento sulla purezza del rum. Scopri gli altri eventi targati in programma presso lo stand di Velier nell’area partner.

Tags:
Official Partner:
Official Sparkling Wine: