AquaDueO: la Banda Osiris torna a Cheese diretta da Telmo Pievani

AquaDueO. Sì, a Cheese andremo anche un po’ fuori tema, trattando di uno dei beni comuni più preziosi e fondamentali: l’acqua.

Lo facciamo perché Cheese sempre di più vuole evidenziare l’attenzione all’ambiente e all’ecologia, ma anche e soprattutto perché non volevamo perdere l’occasione di ospitare un parterre di scienziati di tutto rispetto, quali Telmo Pievani, filosofo della scienza, evoluzionista, comunicatore e saggista, e la Banda Osiris, musicisti e scienziati, pronta a offrire «il suo personale quanto inutile contributo» al dibattito.

Dati scientifici, musiche, effetti visivi, tutti in una performance la cui ispirazione è nata tre anni fa, e che è stata messa a punto quest’anno in 15 giorni di lavoro intenso e confronti.


 

LA BANDA OSIRIS E DOVE TROVARLA A CHEESE 2019

AquaDueO va in scena venerdì 20 settembre alle 21 al Teatro Politeama (Piazza Carlo Alberto, 23). Ci si può prenotare online o – per chi è di Bra – a partire dal 9 settembre si possono acquistare i biglietti presso l’Ufficio Turistico e presso il negozio Slow Food.

PRENOTA

PLANET EARTH IS BLUE

Gli spunti di riflessione sono numerosi e importanti: inquinamento, cambiamento climatico, effetto serra, migrazioni. La Terra è il “pianeta blu”. Il 70% della sua superficie è coperto da acqua. Tuttavia per gli esseri viventi sulle terre emerse e per l’uomo solo una piccolissima parte dell’acqua terrestre è disponibile, e a causa delle attività umane la disponibilità sta progressivamente diminuendo.

«È uno spettacolo molto politico. Ci presentiamo come a un convegno sull’acqua, dove anche il pubblico è scienziato e coinvolto. Mettiamo sul piatto molti argomenti in modo leggero ma serio, per fare emergere l’importanza di questa risorsa, e la necessità di tutelarla». A parlare è Roberto Carlone (trombone, basso, tastiere) mentre in macchina si sta recando a Busca, dove la Banda Osiris si esibirà insieme ai Trelilu nello spettacolo Piemontecarlo (ma questa è un’altra storia). «Guardiamo molto avanti: l’intento è quello di mostrare sulla mappa i cambiamenti in atto nei prossimi 50-60 anni, e come questi ridisegneranno la geografia del pianeta – Italia compresa – rendendoci tutti migranti. Il livello del mare continua a crescere sempre di più, è costante e continuo: è chiaro che questo avrà per tutti conseguenze significative».

La Banda Osiris a Cheese 2017. Ph. Alessandro Vargiu.

Com’è ovvio immaginare, il commento musicale del convegno è di altissimo livello. «Com’è profondo il mare di Lucio Dalla guida la narrazione come leitmotiv dello spettacolo su un palco completamente invaso dalla plastica, ma le ispirazioni musicali sono tantissime: scomodiamo Roger Waters, Buscaglione, Modugno, Vivaldi e i Beatles, e Onda su onda viene vista dal punto di vista di un migrante, le sue speranze e paure».

L’occasione è bellissima: siete tutti invitati a riflettere, senza dimenticare un po’ di leggerezza.

di Silvia Ceriani, info.eventi@slowfood.it

La performance fa parte del programma di eventi e approfondimenti voluti da Aboca per diffondere l’importanza del legame fra la salute umana e la natura.

I ricavi della vendita dei biglietti saranno devoluti al progetto 10.000 orti in Africa, volto a garantire alle comunità africane cibo fresco e sano, ma anche formare una rete di leader consapevoli del valore della propria terra e della propria cultura, protagonisti del cambiamento e del futuro di questo continente.

PRENOTA

 

Popular tags: