Cheese: un viaggio oltre i confini

01 Settembre 2023

Espositori internazionali e delegati della rete Slow Food da tutto il mondo a Bra. Per Cheese.

Casari, pastori, produttori ed esperti da tutto il mondo presentano i loro prodotti, condividono le loro idee e le loro soluzioni comuni alle sfide che tutti stiamo affrontando – a partire dalla crisi climatica – a Cheese, il più grande evento dedicato ai formaggi a latte crudo.

Il mercato dei formaggi e la via degli affinatori

Espositori da 14 Paesi sono presenti nel grande Mercato dei formaggi e nella Via degli Affinatori. Tra questi nomi conosciuti a livello internazionale come l’azienda Jasper Hill dagli Stati Uniti; Neil’s Yard dal Regno Unito; produttori e selezionatori da Svizzera, Svezia e vari altri Paesi europei come il Belgio e il Portogallo. Dalla Spagna arrivano espositori storici di Cheese, come Quesería Cultivo, parte di una importante delegazione nazionale che include rappresentanti dalla Comunità Slow Food Via de la Plata para el amparo de productos y emprendedores de las provincias de Salamanca y Zamora.

I Presìdi Slow Food

Tra i Presìdi Slow Food che presentano i loro formaggi e raccontano le loro storie, citiamo lo Stichelton a latte crudo e il Cheddar artigianale del Somerset dal Regno Unito, i formaggi a latte crudo irlandesi, il Gouda artigianale stravecchio dai Paesi Bassi, l’Emmentaler tradizionale svizzero, il francese Bleu del Queyras e dall’Austria il formaggio di pecora della varietà Plezzana. Questi ultimi sono protagonisti della conferenza Benvenuti ai nuovi Presìdi dei caci, e non solo.

La Macedonia del Nord, presenta il suo programma di assaggi e attività grazie al sostengo del Ministero dell’Agricoltura, delle Foreste e dell’Economia dell’acqua. Elena Karovska Gosevska, coordinatrice di Slow Food Macedonia partecipa alla conferenza Settembre andiamo. È tempo di migrare. La civiltà della transumanza. La Macedonia del Nord è anche al centro del Laboratorio del Gusto Di erba e transumanza in Macedonia del Nord.

Le delegazioni internazionali

La rete internazionale di Slow Food è inoltre rappresentata da numerose delegazioni dalla Norvegia e dagli altri Paesi del Nord, dai Balcani, dall’Ucraina e dalla Turchia.

Tra gli altri, Ben Mehedin, coordinatore del Presidio Slow Food del maiale di Bazna della Romania, e Dessislava Dimitrova, coordinatrice di Slow Food in Bulgaria, sono sul palco della conferenza Peste suina africana. Chi paga il prezzo più alto? per discutere di come stanno affrontando la malattia virale che si è diffusa nei Balcani nei mesi scorsi e quali conseguenze sta determinando per la biodiversità e per i pastori.

Mentre Oleksandr Shatalov, portavoce della Comunità Slow Food per il rilancio della gastronomia hutsul e dell’agricoltura tradizionale a Kvasy in Zakarpattia e fondatore dell’azienda agricola biologica Rosenthal in Transcarpazia, Ucraina, nella conferenza Riabitare la montagna spiega come stanno cercando di rigenerazione montagne e altopiani. Aud Slettehaug, rappresentante del Presidio Slow Food del Geitost artigianale del fiordo di Sogne e del Pultost dai paesi di Hedmark and Oppland, in Norvegia, presenta sfide e soluzioni in Cronache del clima che cambia, anche sui pascoli.

Una vera e propria carovana di produttori arriva dalla Francia: partenza lunedì 11 settembre dal Camembert. Il gruppo raggiunge Bra dopo aver visitato diversi allevatori e casari per assistere alle fasi di produzione di alcuni formaggi. Arrivano a Cheese con un carico di caci dei Presìdi d’Oltralpe.

Protagonisti dei Laboratori del Gusto

Protagonisti del Laboratorio del Gusto Uno sguardo Oltre confine, sono la manufactura de Branza dalla Romania, prodotto da Istvan Vargas, lo sbrinz d’alpeggio (Presidio Slow Food) dalla Svizzera e l’afuega l’pitu a latte crudo dalla Spagna.

Il 18 settembre alle 15 Serra Beklen, cuoca dell’Alleanza Slow Food di Antalya e patron del ristorante Capra in Kaş, partecipa al Laboratorio del Alla scoperta delle tradizioni gastronomiche e casearie turche: l’halva di formaggio. Qui porta delle ricette più rappresentative della regione Çanakkale: il formaggio cotto halva, un tradizionale dessert ricco nella storia e nel gusto.

Spazio anche ai giovani come Anat e Daniel Kornmehl, coppia di agronomi che nel 1997 ha deciso di stabilirsi nel deserto del Negev, in Israele, per dare vita alla Kornmehl Farm, oggi punta di diamante della produzione casearia caprina di tutta Israele. I loro formaggi sono frutto dei saperi acquisiti da esperienze in Francia, Italia e Israele (Daniel è allievo del compianto maître fromager Shai Seltzer). A Cheese propongono una degustazione delle loro eccellenze casearie del Negev con il figlio maggiore Yotam, attuale studente dell’Università di Scienze Gastronomiche.

Gli appuntamenti a Tavola

Tra gli Appuntamenti a Tavola, apre il programma Foreste di Spagna con lo chef Marc Ribas che presenta il progetto Ramats de Foc. Il progetto è nalizzato alla protezione della flora locale dal rischio di incendi dovuti al cambiamento climatico grazie alla silvopastorizia.

Mentre Juan Camilo Quintero presenta il suo viaggio gastronomico che unisce il su paese d’origine, la Colombia, per arrivare al mare della costa toscana e alle colline del Chianti. Qui il resort Borgo San Felice Relais & Châteaux ha ricevuto nel 2021 la Stella Michelin e nel 2022 la Stella Verde Michelin, che premia i ristoranti particolarmente impegnati nella cucina sostenibile.

Cheese 2023 è organizzato da Slow Food e Città di Bra, con il supporto di Regione Piemonte e di numerose realtà che credono nel progetto, a partire dai Main Partner: BBBell, BPER Banca, Confartigianato Cuneo, eViso, Parmigiano Reggiano, Pastificio Di Martino, Quality Beer Academy, Reale Mutua. In Kind Partner Liebherr, Bormioli Luigi e Bormioli Rocco, Acqua S. Bernardo. Green partner sono Palm Green PalletPool Pack e Ricrea. Area Partner: Baratti&Milano e Pepino. Media partner è TabUi. La manifestazione è realizzata con il contributo di Fondazione CRC e Fondazione CRT, ATL Langhe Monferrato Roero, Camera di Commercio di Cuneo e Ascom Bra. Partner culturale è l’Istituto Centrale per il Patrimonio Immateriale.

Skip to content