I formaggi di Sicilia a Cheese 2021

07 Settembre 2021

Basta parlare di formaggi piemontesi! O meglio, no, continuiamo… Però, ne aggiungiamo anche altri! A Cheese, avrete molte occasioni di conoscere e gustare i formaggi di Sicilia, oltre ad altri Presìdi Slow Food della regione.

Dove? La Sicilia vi aspetta nel cortile delle scuole maschili, dove lo Slow Food Regionale organizza un ricco programma di degustazioni, pranzi e cene, con in più la possibilità di esplorare la ricchezza dei cibi di strada.

Potete spaziare dai cavatelli alla norma agli arancini con fonduta di formaggio di Masso e melanzane a quelli con fonduta di canestrato di Barrù e pomodoro siccagno di Corleone, a pane e panelle allo sfincione ai cannoli di ricotta.

Ecco il programma, giornata per giornata!

17 settembre, dalle 10 alle 21:30 – I formaggi delle aree interne

maiorchino sicilia
Il maiorchino, Presidio Slow Food

Nei Laboratori, proponiamo un viaggio alla scoperta dei formaggi delle aree interne, preziosi testimoni della millenaria arte casearia siciliana. Un’esplorazione che ci riporta ai tempi in cui la sarda, molto a buon mercato, era cibo abituale delle aree interne della Sicilia insieme ai sapidi formaggi di montagna. Andiamo alla scoperta del maiorchino (Presidio Slow Food) e i bagli siciliani, del il canestrato del Monte Barrù, il formaggio di Masso, la tuma persa, ma anche di un abbinamento insolito che mette insieme le sarde e il piacentinu, e dei fantastici formaggi di capra girgentana.

A pranzo vi portiamo alla scoperta dei Monti Iblei, mentre a cena esploriamo i sapori delle Isole Minori.

Scopri di più!

18 settembre, dalle 10 alle 21:30 – Grani antichi, formaggi e salsiccia della tradizione siciliana

provola delle madonie sicilia
La provola delle Madonie, Presidio Slow Food. Ph. Alberto Peroli.

Un viaggio alla scoperta dei grani antichi, formaggi e salsiccia della tradizione: l’essenza profonda dell’agricoltura in Sicilia. La Sicilia del latifondo ci consegna, salvati dall’ostinazione di pochi illuminati agricoltori e allevatori, la fragranza dei grani antichi, la  varietà del lavoro dei casari e il sapore unico delle carni del suino nero siciliano. Tra le proposte dei laboratori, segnaliamo il pane e tumazzu, un incontro tra le provole di Presidio siciliane (provola delle Madonie e provola dei Nebrodi) e il pane di grani antichi siciliani (tuminia e russello). Quando il pane siciliano di una volta era nutrimento e assieme al formaggio diventava pranzo.

Se a pranzo vi proponiamo il menù rustico del pastore, a cena percorriamo le strade delle Madonie, ad esempio grazie alle polpette di pane di russello e provola delle Madonie.

Scopri di più!

19 settembre, dalle 10 alle 21:30 – Il suino nero dei Nebrodi, eclettico protagonista della cucina siciliana

Suino nero Sicilia
Il suino nero dei Nebrodi, Presidio Slow Food. Ph. Alberto Peroli.

Il nero, si sa, sta bene su tutto, ma quando si abbina all’eccellenza dei Presìdi diventa irresistibile. Slow Food Sicilia propone una serie di laboratori con degustazione e proiezioni video guidati dai produttori, alla scoperta dei Presìdi della regione. Tra questi, il laboratorio “da maledetto a benedetto: u pummu d’amuri”, in cui assaggerete il timballo di pomodorino buttiglieddru di Licata, cipolla di Giarratana, suino nero dei Nebrodi e scaglie di caciocavallo ragusano (Presìdi Slow Food).

A pranzo e a cena, andiamo sui Monti Nebrodi e sui Monti Sicani. In degustazione, tra gli altri, il caciocavallo di vacca modicana in panure di pistacchio di Bronte e panelle.

Scopri di più!