Petra Antolini: la pasionaria della pizza

La sua passione per la cucina inizia quando, con il parere contrario di tutta la famiglia, decide non solo di frequentare un istituto alberghiero ma anche di andare a lavorare in un ristorante all’età di 13 anni.

È lì che diventa chiaro a tutti: nomen omen! Petra Antolini è un concentrato di grinta e certezze, gioia e passione.

DOVE TROVARE PETRA ANTOLINI A CHEESE 2019

Sabato 21 settembre alle 13 Petra Antolini porta a Cheese 2019 la sua verve e il suo lavoro nel Laboratorio di Pizza dal titolo La regina della pizza, nell’ambito degli appuntamenti della Fucina pizza pane pasticceria realizzata in collaborazione con Agugiaro&Figna Molini.

Petra Antolini al Settimo Cielo. Gentile concessione Petra Antolini.

Dopo Terra Madre 2018 eccoti di nuovo in Piemonte, nella casa di Slow Food… Non è la tua prima volta a Bra, giusto?

Esatto. Però ero in una veste diversa quando, nel 2006, mi sono iscritta all’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo. Non ho ancora completato gli studi ma prima o poi mi laureo!

E non c’è da dubitarne viste le “puntate precedenti” della tua storia. Parlaci del tuo percorso da pizzaiola.

Dopo le esperienze da ragazzina in cucina, nel 2010 ho aperto a Pescantina (in provincia di Verona) la pizzeria Settimo Cielo. Avevo molte conoscenze sul vino, sulla gestione della sala, ma oggi mi rendo conto che ne avevo pochissime proprio riguardo alla pizza. Così decisi di partecipare ai corsi dell’Università della Pizza di Vighizzolo d’Este (Pd). E così la pizza del Settimo Cielo è diventata finalmente la “mia” pizza.

INGREDIENTI, PREZZI, IMPRENDITORIA, SOCIALE: IL MONDO DI PETRA

E cosa la distingue dalle altre?

Non è gourmet, non è napoletana, non è romana, ha un bel cornicione, è morbida e croccante allo stesso tempo e con ottime materie prime. Sono fortunata perché, avendo iniziato a lavorare in cucina, conosco i prodotti. E poi vivo in Valpolicella, un luogo bellissimo e ricco di biodiversità sebbene alcuni ingredienti arrivino dal resto d’Italia come il fior di latte di Agerola, il pomodoro vesuviano, i capperi del Presidio Slow Food.

E ora tutti ti diranno che a lievitare non è solo la pizza ma anche i prezzi…

Apprezzo moltissimo il lavoro di tanti colleghi che hanno dei giustificati prezzi più alti in menù ma per me la pizza deve essere alla portata di tutti e dunque anche i prezzi devono essere ragionevoli, ovviamente sempre in relazione alla materia prima di utilizzo.

Se dovessi dare una definizione di te, come ti descriveresti?

Sono Petra, una donna di 39 anni testarda, determinata e amante del proprio lavoro. Amo lavorare in tutti i reparti del mio locale. I miei clienti sorridono quando entrano non sapendo mai quale ruolo stia rivestendo. Per farla breve, è vero che faccio la pizza ma adoro stare in laboratorio con i miei ragazzi, come in cucina nella preparazione dei topping. Il mio lavoro principale però è la ricerca, lo sviluppo, il coordinamento e la formazione del personale.

Petra Antolini e tutto lo staff. Gentile concessione Petra Antolini.

E nel frattempo trovi anche il tempo per dedicarti al sociale.

Sì, è una delle cose più belle che faccio. Quando ero allieva all’Università della Pizza, in un mondo dove spesso le donne stentano a emergere, con altre sette amiche con cui condividiamo la stessa passione abbiamo creato il progetto “Donne di Pizza e donne di cuore” per organizzare appuntamenti di beneficenza in giro per lo Stivale. I prossimi appuntamenti sono in fase di sviluppo ma vi anticipo che rappresenterò il gruppo a Identità Golose a New York a settembre.

Domanda di rito! Cosa ci fai assaggiare a Cheese?

Due mie pizze “cavallo di battaglia”: la Deavina, con impasto realizzato con farine macinate a pietra e condita con datterino del Vesuvio, spuma di bufala campana, misticanza fresca e deavina (coppa affumicata all’Amarone); la Cotto della Lessinia, una pizza con impasto bio condito con fior di latte di Agerola, prosciutto cotto della Lessinia, monte veronese di malga (Presidio Slow Food) e funghi freschi.

A noi è venuta l’acquolina in bocca…

di Antonio (Nio) Puzzi
nioantoniopuzzi@gmail.com

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Sabato 21 settembre, oltre al pranzo con Petra Antolini, puoi gustare alla Fucina pizza pane e pasticceria:

SCOPRI TUTTI I LABORATORI DELLA FUCINA PIZZA PANE E PASTICCERIA

Gentile concessione Petra Antolini.

Popular tags: