Tag: affinatori

Raw Milk and Cheese: il nuovo master dell’Università di Scienze Gastronomiche

La storia delle produzioni lattiero-casearie è antica e legata indissolubilmente al rapporto tra uomo, animale e ambiente. Con l’avvento dell’industrializzazione, però, la filiera si è standardizzata, sminuendo la portata di tradizioni e saperi secolari. Anche la biodiversità dei formaggi va dunque difesa e tramandata, senza dimenticare che la loro tutela passa anche per lo studio e l’attività di professionisti del settore. Al via il nuovo Master Unisg, Raw Milk and Cheese.

Giandomenico Negro, allevatore di formaggi

Cosa ha in comune la storia di un enologo, che da Bolzano a Catania lavora come consulente nelle più disparate cantine d’Italia, con quella di un appassionato di formaggi che da più di vent’anni fa l’affinatore? Apparentemente nulla, e invece di mezzo c’è la vita di Giandomenico Negro, un uomo straordinario che da metà degli anni ’90 oltre al mondo delle vigne decide di occuparsi di pascoli e di tutto quello che è connesso al mondo artigianale lattiero-caseario.

Professione affineur – Hervé Mons e le cure quotidiane ai formaggi

Siamo nelle cantine di Saint-Haon-le-Châtel, dove con pazienza e cure quotidiane maturano i formaggi della Maison Mons. Per Hervé Mons, insignito nel 2000 del titolo di meilleur ouvrier de France, l'intervento dell'affineur dev’essere ispirato al buon senso, al rigore, alla benevolenza nei confronti del latte.

Il panorama dei grandi formaggi inglesi

Il formaggio è una parte essenziale della cultura britannica, con alle spalle una storia di migliaia di anni e oltre 700 formaggi a denominazione prodotti sull'isola. Tuttavia, come è avvenuto per molti prodotti, alcuni fattori sono sostanzialmente cambiati negli ultimi tempi: in particolare il modo in cui si fa il formaggio e chi lo produce. Oggi la stragrande maggioranza dei formaggi britannici è prodotta industrialmente con latte pastorizzato, fermenti selezionati e una lunga catena di intermediari tra la fattoria e il tavolo. Ma c'è ancora un piccolo numero di produttori che mantiene viva la tradizione.